DIARIO DI GUERRA 3 – Balbo cartografo

 

4 Settembre 1940

Son chiamato al Comando. Il maggiore Zavarrone mi dice che sono richiesto dal Comando Divisione Granatieri come disegnatore. Non ci vorrei andare. Glielo dico. Me ne è grato ma insiste. Inizia un lavoro che non mi piace ma che imparerò volentieri.

6 Settembre

In ufficio disegno. C’è da fare una carta del mar Rosso. Almeno di Suez. Sarà per una prossima invasione dell’Egitto. Lionetti mi insegna a fare il mare. Pastello e un fiocco di cotone per sfumare ed ecco il mar Rosso di un bel cilestrino.

8 Settembre

Il maggiore Diambrini mi affida una carta del Kenia. E’ una carta inglese. A l 2 milioni. Si tratta di disporre un piano operazioni per l’invasione del Kenia. Controllando distanze località, corsi d’acqua. Con informazioni che ci giungono man mano. Mi affida il compito ma senza una gran persuasione.

10 Settembre

Io la prendo sul serio. Da un primo studio risulta un errore di una cinquantina di chilometri su una pista di duecento circa. Ne riferisco al maggiore. Mi guarda un poco poi mi dice ”Lasci fare”. Mi accorgo che non crede troppo alla possibilità di invadere il Kenia. Io a queste cose non ci penso troppo.

Sto vivendo un’esperienza, del tutto distaccato dal come le cose si mettano e dal come potranno andare. Non ho mai pensato seriamente ad una conclusione. Osservo gli uomini e son preso dallo spettacolo che mi presentano sempre vario sempre nuovo così differente contrastante.

Non mi sto facendo una buona impressione degli ufficiali italiani. Credevo che ognuno si appassionasse alla guerra e vi partecipasse così come se fosse un fatto personale. Ma è ben diverso!

Allarme aereo. Dopo aver consegnato in cassaforte le carte mi reco ai paraschegge. Aerei inglesi bombardano il campo d’aviazione. Fino ad ora hanno sempre lasciato in pace la città.

Cessato allarme. Quando si rientra il dottore si mette a parlare di una febbre portata da cimici di bosco. E’ molto diffusa fra i militari.

 

15 Settembre

Ha inizio il corso teorico. Il comandante fa un lungo preambolo per dirci che l’Italia è impreparata, che l’esercito è in crisi e che nell’impero non abbiamo armi. Che però ecc. ecc. Poi cominciano le lezioni. E io comincio a capire che veramente si cerca di livellare dal basso. Lo sospettavo ma non lo sapevo.

16 Settembre

E’ un corso affrettato insegnato e imparato senza grande convinzione. C’e da disperare sulla preparazione militare dell’impero. Ma tutti confidiamo nella grande alleata. C’è anche un tedesco con noi.  Non mi è simpatico. Mieloso guardingo subdolo.

20 Settembre

Tutto va bene su tutti i fronti. Ma c’è qualcosa in aria. Io non cerco non indago. Sono uno spettatore calmo, disciplinato. Preferisco che gli avvenimenti mi si svolgano sotto gli occhi senza cercare di prevederli e di antivederne le conclusioni.

Oggi mi ha chiamato il colonnello. Mi ha incaricato di disegnare il “Piano di Allarme di Addis Abeba”. Massima segretezza. Ne ho preso visione. Vi è tutto previsto. Insurrezioni allarmi, anche in invasione da parte degli inglesi, questo non mi sorprende eccessivamente. Non riesco ad immaginarmi come ciò potrà avvenire; penso che io non starei ad aspettare gli Inglesi, penso che forse saremo tutti morti e penso che prevedere e provvedere ai piani per tale evenienza sarà forse doveroso da parte di un Comando ma è una estrema ratio un po indigesta.

Segreto anche per gli ufficiali che lavorano con me nell’aula e che sovente insistono nelle sbirciatine ai disegni. Accidenti che segretezza. Sarà un lavoro lungo. Ci do sotto con alacrità e non mi rimarrà molto tempo per dedicarmi allo studio dei manuali di preparazione.

26 Settembre

Occorre far domanda per l’Arma. Malgrado l’assoluta indifferenza per un corpo più che per un altro devo decidermi. Non si tratta di manifestare preferenza ma di stabilire quale sarà la migliore esperienza per me senza procurar guai agli altri.

Pur avendo notato l’incoscienza e l’assoluta mancanza di preparazione di quasi tutti, insegnanti allievi devo rispettare la mia dignità e il mio senso di responsabilità. Osservatore ma anche attore. Pesati i pro e i contro stabilisco che sarei un cattivo ufficiale del Genio ma potrei essere mediocre come Fanteria. Scelgo Fanteria e stendo la domanda.

4 Ottobre

Assoluta segretezza per il Piano d’Allarme. Sono andato nell’Ufficio del colonnello per ritirare i disegni e iniziare il lavoro. La cassaforte era aperta. Il Comandante al lavoro e per terra accanto a lui suo figlio (un bimbo di circa sei anni) giocava con i Piani. Un altro grano del rosario!

16 Ottobre

Son stato a far colazione nel mio ristorante preferito dei tempi civili. Da Ascalone in Viale Mussolini.

Ascalone mi ha accolto con gioia e pure i boys, sempre gli stessi. Memori delle laute mance cui li avevo abituati mi erano sempre attorno. Ciò ha dato fastidio a un capitano seduto a un tavolo con una signora. Mi ha fatto cenno e in un locale appartato mi ha fatto capire molto educatamente che quello non era locale per me. Non ho fatto obbiezioni di alcun genere e non mi son preso nessuna rivincita. Un altro grano al rosario!

17 Ottobre

Le cose si mettono male. C’è nervosismo al Comando. E’ partito aerotrasportato un reparto, una compagnia mitraglieri, di granatieri per Metemma e Gallabat ai confini nord col Sudan. Dal “Jim” ho saputo che con una infiltrazione nostra nel Sudan c’è Paolo Montolivo, un bravo ragazzo di Bordighera. Ne sono orgoglioso.

18 Ottobre

Il lavoro in ufficio aumenta. La carta del Kenia è accantonata. Così pure la zona di Suez. Precedenza al Piano di Addis Abeba.

19 Ottobre

Gli ufficiali cominciano a essere sovrapensiero.

27 Ottobre

Siamo sulla fine del corso teorico. In città si avverte un senso di penuria e di disagio.

6 Novembre

Nervosismo al Comando. Parlottano i Maggiori, poi fra loro i Capitani e i Tenenti. “Metemma e Gallabat”.

È successo qualcosa. Me ne informa, per certe carte il maggiore Corriglio, molto commosso. Il tenente De Micheli schiacciato dai cingoli di un carro armato inglese nel fortino di Metemna. I granatieri morti o prigionieri. La maggior parte aveva la febbre malarica e soffriva di dissenteria. Ma questa non è una scusa.

Gli inglesi stanno preparando un’avanzata in forze e questo è l’attacco d’inizio. Così comincia la fine! Il piano d’allarme per Addis Abeba era molto previdente. Sarà poi la volta del Somaliland e lo sfondamento da Morale alle frontiere del Kenia. Di là stanno arrivando le sezioni di Carterpillar. I trattori si infangano per la pioggia.

È la ritirata?

 


© Archivio Balbo 2018

DIARIO DI GUERRA 2 – Al fortino

 

Cinema_Italia_ad_Addis_Abeba.jpg

11 giugno 1940

            Il mio plotone deve andare in distaccamento a presidiare il fortino Fanni della cinta di fortificazioni di Addis Abeba. Il tenente è comandato altrove. Ci accompagna un sottotenente. Il sottufficiale si ammala subito e, prima di sera, mi sorprendo a comandare un plotone del Genio zappatori e un fortino.

E se vengono i ribelli? Mi consulto con gli amici. Faremo le cose per bene. Armi: 91 fucili.  Comincio col rancio. Abbiamo i viveri in natura. Io aggiungo venticinque lire al giorno per il miglioramento. E ora lavoriamo, per salvare la pelle. Sentinelle e sbarazziamo il terreno dagli eucaliptus che possono favorire l’avvicinamento dei ribelli. E lontani gli indigeni, anche e soprattutto le donne. I ragazzi ci stanno.

12 giugno

            Siamo in guerra. La prima notte di presidio è passata. Pochi di noi hanno dormito. E’ un affare in famiglia. Il cambio delle sentinelle, le ispezioni. Così concepisco la guerra in Africa.   Tutti d’accordo per salvare i coglioni! Non dormo perché temo che le sentinelle siano capaci di sparare anche a chi gli dà la parola d’ordine..

13 giugno

            Tutto a meraviglia. Si sta disboscando intorno a noi. Gli uomini hanno per di più il coraggio di rinviare le “sciarmutte” che si avvicinano.[ Termine usato dagli Italiani, durante l’occupazione delle colonie dell’Africa orientale e settentrionale, per indicare le prostitute indigene ] Che pacchia poterne infilare qualcuna nel fortino che potrebbe aiutarci a far cucina. Ma rinunciano sospettosi e le fanno allontanare con gentilezza lasciandogli i sensi appresso.

Ottimo il rancio e si comincia a dormire bene a turno sicuri che chi veglia ci protegge bene.

18 giugno

            Sto passando giorni bellissimi al fortino. Devo essere ingrassato. Ma ce ne sarà per poco. Stamane son stato chiamato al comando. E’ venuto a sostituirmi il sergente Iorio. Gli lascio gli uomini con rammarico. Anche per loro è finita.

Al Comando mi informano che, dati gli studi che ho fatto sono obbligato a fare un corso ufficiali  il  “306” che inizierà a giorni. Faccio la domanda e sento il brivido della vertigine.

Resto a casa. Non ho ancora licenziato Tesfai. Egli resta sempre a guardia. Dormo in villa la notte. Sono svegliato da un fruscio. Sorrido al pensiero che la bella signora europea che è a fianco riceverà qualcuno in assenza del marito. Ma sobbalzo sulla brandina. Non è così. Cercano di forzare la porta della mia camera. Accidenti. Al buio ritrovo il 91. lo armo e metto la pallottola in canna. Con un maledetto rumore di ferraglia. Passi strusciano rapidi intorno la casa. Dalla finestra nel chiaro di luna scorgo uno sciamma [ la toga, fatta di cotone, indossata ugualmente da uomini e donne ] che fugge e svanisce nell’oscuramento di guerra.

            Dovrò pensare a smobilitare le collezioni e le cose che mi stanno a cuore. Per ora dirò a Tesfai di dormire nella villa.

Giugno

            I giorni passano in lavori stradali, opere varie un po’ d’istruzione. In attesa. Nulla di accelerato, di importante, di formativo per dei soldati che dovranno fare la guerra. I genieri non sono contenti delle mostrine dei granatieri di Savoia. Loro sono del genio – dicono – e, malgrado le spiegazioni degli ufficiali, continuano a brontolare.

            Rivedo Nasia ogni tanto. Vado ancora qualche volta a mangiare in ristoranti conosciuti. Poi avverto come i borghesi tengono lontani i militari e poco a poco mi ritrovo nelle bettole dei soldati. Il fascismo non ha cambiato niente. La guerra ancora meno. Altro che prestigio! La divisa allontana sempre. Si comincia a parlare di imboscati. È considerato un fesso chi è soldato.

            Non si risente ancora penuria di viveri. I generi non hanno ancora subito rincaro. Strano. Le notizie di guerra sono sempre buone. Quelle dell’alleato. Io sento dalla radio quanto succede dalle mie parti. Un treno blindato si fa colpire alla Mortola. Suicida! Le popolazioni sgombrate. Sfollamento, bombardamenti. Poi l’armistizio. Mi immagino il mio paese in confusione. I nipotini?

 

BALBO LIBIA ok 1

Luglio

            Accantonamento. Ogni tanto piazza d’armi. Ci si ritrova diversi battaglioni. Genio alpini, bersaglieri, granatieri. Poco a poco l’istruzione si fa seria si fa dura. Gli ufficiali, quasi tutti richiamati non sanno che fare. Non sono aggiornati su niente, nemmeno sul saluto. Poi si fa vedere un generale. È duro. Vuole la testa alta e vuole che si batta il piede sinistro sul colpo di tamburo, quando suona la banda militare. E la fa suonare fino a far scoppiare i suonatori. Raduna spesso gli ufficiali. Superiori e subalterni. Li inquadra vicino alla banda e fa intonare una marcia. Al colpo di grancassa tutti devono battere il piede sinistro.

            Col mio plotone e la mia squadra faccio miracoli. C’è poco da nascondersi. La piazza è vastissima, liscia come un biliardo; ma trovo sempre modo di non fare sfacchinare i miei.

Un bel giorno il generale viene a trovarci all’accantonamento. Buono buono con un pancione voluminoso come un contrabbasso. Non fa complimenti. Raduna il battaglione dice che siamo delle merde e se ne va. Niente di cambiato. Schifo!

            Episodi. Gennaro un battirame infermo. Monta di sentinella. Sulla strada non deve passare nessuno. Ma ci capita un colonnello. Vuole passare. Gennaro niente. O te ne vai o ti sparo. Manco a dirlo gli arriva l’elogio e un premio in denaro.

Mi dà a pensare. Che forse i comandi ci vorrebbero tutti uguali a Gennaro?

16 luglio

            Son stato d’ispezione: son montato ieri sera un po nervoso. E’ la prima volta. Sento responsabilità. Durante la notte una iena brontola proprio accanto al corpo di guardia. Verso le quattro un indigeno resta impigliato nei  reticolati. E’ la sua paura che vi è restata agganciata.

Luglio

            Si cominciano ad avvertire i primi sintomi. Qualche genere comincia a scarseggiare. Cominciano a girare le prime auto a gas. Fornelli di carbone del tutto primitivi. Ma vanno. Sono i benefici dell’autarchia. Tipi di bagarini stanno appollaiati in Piazza  Vittorio come avvoltoi in attesa della preda.  Ci guardano con occhi vuoti. Si parla di azioni nel Somaliland, girano militari con speciali uniformi. Bandoliere gialle, fondine gialle, pistoloni, teschi.

In tutta segretezza tutti sanno che fanno parte di un corpo di 300 volontari che saranno condotti dal console Bonaccorsi alla conquista di Aden con un colpo di mano. Molti ci lasceranno la pelle. Quindi si prendono un anticipo di gloria.

            Arrivano notizie dal Somaliland. Conquistato. Le truppe inglesi son scappate come lepri. Nemmeno un prigioniero. Berbera Zeila sono nostre.

            Assisto al trionfo del colonnello Lorenzini. In piazza 5 Maggio. E’ circondato dalle sue truppe. Barbetta brizzolata. Occhiali d’oro a stanghetta. Tutto il contrario del conquistatore. Siamo tutti leoni.

10 Agosto

            E’ domenica. Siamo all’accantonamento a poltrire. Si sente rumore di motori. Una formazione un po insolita gira per Addis Abeba. Poi cominciano gli scoppi le esplosioni; si levano colonne di fumo laggiù verso il campo di aviazione. Confusione in tutto il battaglione. Poi il tenente  cerca di mettere ordine prende il comando. “ Tutti fuori col fucile! ”. Ci troviamo intorno all’accantonamento, fra gli eucaliptus col 91 fra le mani. E’ la nostra antiaerea. Vediamo levarsi un nostro caccia. Sparisce alla nostra vista . Gli inglesi se ne vanno calmi.

            Ancora ieri il generale comandante dell’aviazione aveva dato assicurazioni che gli inglesi non potevano arrivare ad Addis Abeba.

ADDIS-ATTACK-2

14 Agosto

            Un caso di tifo petecchiale. E’ colpito il furiere. Arde di febbre nella tenda. E se qualche pidocchio si fosse preso confidenza anche con me? Il malato è prelevato. Disinfestazione generale. Quarantena. Per quanto?

Agosto

  Siamo isolati e lo saremo forse per venti trenta giorni.

 

BALBO BLOG COMPOSIT 1

 



© Archivio Balbo 2018

 

DIARIO DI GUERRA 1 – Arruolamento nel Genio

collprivataberhanuabebe

Giuseppe Balbo è ad Addis Abeba da circa due anni e gestisce un’impresa di materiale edile.


 

ADDIS ABEBA – 22 maggio 1940

Mi capita in ufficio Robertino Nasia. “Ci siamo“ fa, allegro e ridente e sventola una cartolina rosa. E’ il richiamo. Resto allibito dalla sua incoscienza. Io sento il brivido della vertigine. Sento che la cosa mi tocca molto da vicino. Non mi interessano gli affari ormai agli sgoccioli.

Bene verrò anch’io”. Resto solo. Rifletto un poco non tanto.

Potrei ritornare in Italia. Ci sarà la guerra. Forse ne possono dubitare in Patria. Qui ad Addis Abeba no. Ne siamo sicuri. Noi, gli stranieri, gli indigeni. L’Italia sembra ancora più lontana. Ho già scritto a Silvio di non venire. Ho già avuto la risposta. Non verrà.

Per chi ho fatto seminare da Tesfai le viole del pensiero?

Tutto da rifare. Ma io resterò. A far la morte del topo come tutti diciamo.

24 maggio

Eccomi qua. E’ Nasia. Il sergente Nasia. Sempre incosciente. Come è possibile? Invece di inveire di maledire di rammaricare mi informa che è al battaglione Genio, che si è fatto amico del maggiore, che c’è una gran confusione. Si dice che partiranno presto per invadere il Kenia.

Dimmi, Roberto. E se venissi anch’io?”

Dove, nel Genio?”

Stabiliamo il piano. E gliene parlerà al maggiore.

27 maggio

Mi sono arruolato volontario. Nel Genio. Mi son denunciato come caporal maggiore. Dovrei essere sergente. Ma non mi piace quel grado. Posso mentire. Intanto non ci sono i fogli del mio distretto.

La sera mi trovo sotto la tenda con altri tre; giovani, richiamati. Un ladro di polli lombardo, due bergamaschi Pagani e Carrara. Pagani alto grosso biondo ingenuo. Carrara tozzo piccolino nervoso, tutta malizia.

Piove. Piccola pioggia.

29 maggio

            Ho conosciuto il comandante del Battaglione Genio il maggiore Zavarrone. Vorrebbe che io andassi in un ufficio. Si meraviglia della mia insistenza a stare in compagnia. Gli devo sembrare un po’ matto.

2 giugno

            Non siamo ancora a posto che già ci sono i manifesti della mobilitazione generale; fino a cinquantacinque anni. Fanno sul serio. Arriva qualche nuova recluta. Come esercito di conquista non c’è male. Si parla sempre di invadere il Kenia. Ma come è possibile? Ho conosciuto anche gli ufficiali. Pare che nessuno abbia mai fatto un giorno di vita militare. Tutti goffi, spaesati, sventati.

4 giugno

Siamo stabiliti in un accantonamento alla periferia di Addis Abeba, nemmeno troppo lontano. Baracche. Gli eucaliptus hanno fornito una branda unica che si allunga sui lati intervallando le porte. Non ci sono finestre. Mi sono messo fra Pagani e Carrara. C’è ancora Delfini un milanese simpatico e Lampronti, sempre triste con occhi pesanti da bracco.

5 giugno

Pochissima quasi niente istruzione. Ci mandano intorno alla città a tagliare alberi: eucaliptus.

Non ci sono che quelli. E noi siamo zappatori. E i soldati lavorano. Io non ho particolari mansioni di comando. Lavoro anch’io e imparo a tagliare gli alberi. Secondo il sole, secondo il vento, col taglio giusto per farli cadere dove si vuole. Mi piace e mi fa bene.

Ma, senza saperlo, senza volerlo ho suscitato una rivoluzione. Sono il solo graduato che lavora. I soldati l’hanno notato e lo fanno notare con sottintesi o apertamente agli altri graduati. Alcuni fra loro, vecchi genieri dicono che nell’arma del genio anche i sottufficiali lavorano. Qualche volta anche gli ufficiali. “Non siamo mica in fanteria!”

6 giugno

            Stamane non posso tagliare un albero da solo. Ci ho tutti intorno. Stanno a guardarmi e ridono sorridono benevoli sornioni maliziosi. Ieri sera hanno compreso che, malgrado le mie arie, non sono uno dei loro. E’ andata così!

Nelle due ore di libera uscita, dalle diciassette alle diciannove ho fatto un salto a casa. Tesfai mi aspetta sempre, accoccolato sull’uscio. Ho fatto un bagno, ho mutato biancheria, son corso ad acquistare roba da mangiare in una rosticceria e poi siccome si è fatto tardi sono rientrato all’accampamento in tassì. Arrivato nella mia baracca con fiaschi di vino pollo e pane abbiamo banchettato. Io con un appetito mai conosciuto. Dopo Delfini mi dice “Tu devi saper giocare a scacchi!” Un po’ sorpreso gli rispondo che si, un poco. Tira fuori una scacchiera e gli scacchi e sta per venire dal mio giaciglio. Gli dico di non muoversi di mettere i pezzi e di annunciarmi le mosse, se ne conosce il sistema. Lo conosce e comincia, meravigliato e incredulo. Fra lui e me c’è di mezzo Pagani; di più volto la schiena. Svolgo il gioco di gambetto di cavallo di re. Gli do scacco matto alla tredicesima mossa. Ci sono cinquanta militari intorno. Non capiscono non credono e mi guardano come una bestia rara.

Poi si dorme. E’ andata così ieri sera e stamane si divertono a vedermi tagliar fusti allegri.

            “Caporal maggiore!” Mi chiama da poco distante un ufficiale. Accorro. E’ un maggiore dei granatieri. Mi pare di conoscerlo ma non lo ritrovo nella mia memoria. Comincia a redarguirmi, mentre sto sull’attenti, della mia opera. “Il graduato deve saper comandare, non lavorare:” ma nel Genio …” salta su di voce e mi passa un liscio e brusco di cui non afferro la causa. Intanto dalla mia memoria viene fuori un impiegato della Banca del Lavoro il quale per causa mia ma non per mia colpa si era preso una lavata di testa dal direttore, tempo prima quando ero ancora civile. Si è preso la rivincita. Ma che figuraccia sta facendo di fronte ai miei soldati. Son sicuro che stanno mugugnando. Quando son lasciato libero Pagani e Carrara vorrebbero sterminare i granatieri che lavorano con noi. Mi ci vuole del bello e del buono per ammansirli.

7 giugno

Oggi abbiamo fatto una marcetta. Mentre siamo sulla strada di Dessiè in colonna ai lati della strada avanzano dei camions. Li scorgo da lontano. E’ l’ultimo carico di cemento che mi arriva da Assab. Devono essere quattro. Circa mille quintali. Mi piazzo nel mezzo della strada a braccia aperte. Il primo si ferma mentre i miei camerati stanno meravigliati a guardare. Gli autisti mi riconoscono ridono e prendono ordini.

            Appena sono ripartiti il tenente comandante del mio plotone mi avvicina mi chiede se so qualcosa di quel cemento. E’ impresario mi dice e ha urgente bisogno di duecento quintali di cemento. Quasi non creda quando glieli assicuro.

            “ Ma cosa sei venuto a fare negli zappatori?” mi dice.

9 giugno

            Oggi sono stato in permesso. La candela sta bruciando. Non si possono trasferire capitali. Non si può telefonare in Italia. Mentre sono sovrappensiero al bar Sabaudia mi sento chiamare. E’ Chiusonno Federico. Ha un appuntamento telefonico con Bordighera. E’ uno degli ultimi. Lo incarico di salutare i miei. Ci separiamo.

La guerra è vicina. Se lo chiedono tutti l’un l’altro per la strada guardandosi negli occhi. Se uno qualunque osasse dire che c’è stata la dichiarazione di guerra tutti ci crederebbero subito.

10 giugno ore 10

            Siamo in marcia per il nostro lavoro quando veniamo sorvolati da un aereo, poi un altro un altro e un altro ancora. Son sei. Vanno a oriente. Nulla sappiamo ancora ma lo sentiamo. Difatti poco dopo l’ordine di rientrare all’accampamento.

L’annuncio. Discorsi. Presentat armi. Eia. E restiamo mosci!

 

© Archivio Balbo 2018

 



 

 

DIARIO DI GUERRA

aotoritratto 1942

Comincia oggi la pubblicazione in questa pagina del “Diario di guerra” di Giuseppe Balbo scritto dal 22 maggio 1940 al 9 giugno 1941. E’ la testimonianza diretta della sua partecipazione al conflitto in Africa Orientale e un prezioso documento storico degli avvenimenti che portarono al crollo dell’Impero coloniale.